Get Adobe Flash player

Login

Chi è online

Abbiamo 7 visitatori e nessun utente online

“Trieste ha una scontrosa

grazia. Se piace,

è come un ragazzaccio aspro e vorace,

con gli occhi azzurri e mani troppo grandi

per regalare un fiore;….”

 

E …. finalmente gli alunni di terza della scuola media “Tomaso da Vico” di Salizzole partono per il loro viaggio d’istruzione a Trieste il 2, 3, 4 aprile 2012

Alcune informazioni su ciò che andremo a visitare

Aquileia

Fondata nel 181 a.C. come colonia di diritto latino a sbarrare la strada ai barbari che minacciavano i confini orientali d'Italia. Pacificata e romanizzata la regione, la città, municipio dopo l'89 a.C. si ingrandì in fasi successive, come attestano le diverse cinte murarie. Divenne centro politico-amministrativo e prospero emporio, avvantaggiata dal lungo sistema portuale e dalla raggiera di importanti strade che se ne dipartivano sia verso il Nord, oltre le Alpi e fino al Baltico sia in senso latitudinale, dalle Gallie all'Oriente. Fin da tarda età repubblicana e durante quasi tutta l'epoca imperiale Aquileia costituì uno dei grandi centri nevralgici dell'Impero Romano. Aquileia esercitò una nuova funzione morale e culturale con l'avvento del Cristianesimo che, secondo la tradizione, fu predicato dall'apostolo san Marco. Per avere informazioni su questa splendida cittadina dell'epoca romana potete visitare il sito ufficiale cliccando qui.

Castello Di Miramare

Il castello di Miramare venne costruito per volere di Massimiliano d'Asburgo, arciduca d'Austria e imperatore del Messico, per farne la propria dimora da condividere con la moglie Carlotta del Belgio. È circondato dal un grande parco di circa 22 ettari caratterizzato da una grande varietà di piante, molte delle quali scelte dallo stesso arciduca durante i suoi viaggi attorno al mondo, che compì come ammiraglio della marina militare austriaca. All'interno, il castello è suddiviso in numerose stanze, il piano terra era destinato all'Imperatore Massimiliano I e alla consorte Carlotta, mentre il piano superiore venne poi destinato al Duca Amedeo d'Aosta, che vi abitò per circa sette anni e modificò alcune stanze secondo lo stile dell'epoca. Per ulteriori informazioni clicca qui.

Grado

Nel 568, in seguito all'invasione dei Longobardi in Friuli, il Patriarca Paolino vi trasferì la sede del Patriarcato di Aquileia. Grado crebbe di popolazione ed acquisì quindi un ruolo politico e religioso di primo piano, testimoniato dalla costruzione delle maestose basiliche di Santa Eufemia e di Santa Maria delle Grazie, entrambe della fine del VI secolo. L'emergere di Venezia come centro dominante delle lagune venete segnò però il lento declino dell'isola, che fu aggravato dalla ricostruzione della città di Aquileia (a cavallo fra il IX ed il X secolo) e da un rovinoso saccheggio. Lo stesso Patriarca di Grado si trasferì a Venezia e Grado divenne  un povero paese di pescatori, e tale rimase nei secoli successivi. Nel 1936 Grado fu collegata alla terraferma con un ponte che pose fine al secolare isolamento dell'isola. Per approfondire la storia clicca qui.

Trieste

Le origini della città di Trieste sono antichissime, tuttavia sono di modesta entità le tracce, giunte fino a noi, del suo più remoto passato. Già nel II millennio a.C. tutto il territorio della provincia di Trieste, dall’altopiano al mare, fu sede di insediamenti protostorici: i castellieri. Nel 50 a.C. circa, il piccolo borgo di pescatori divenne colonia romana ed il nucleo abitativo venne cinto da forti mura e, successivamente, arricchito di importanti costruzioni quali il Foro ed il Teatro, i cui resti sono visibili ancora oggi sul colle di S.Giusto. Per altre informazioni clicca qui.

La Grotta del Gigante

Scoperta nel 1840 da Anton Frederick Lindner, fu rilevata dagli speleologi nel 1897 e destinata alla fruizione turistica dal 1908 dal Club dei Turisti Triestini. Nel 1957 venne realizzata l'illuminazione elettrica. La grotta è costituita da un'ampia ed unica caverna  in cui confluiscono molte gallerie. È la cavità turistica più vasta del mondo, e per questa sua particolarità è stata inserita nel Guinness dei primati nel 1995. Per una visita virtuale clicca qui.