Esplorando il nono pianeta i ragazzi della1A hanno scoperto …

La quarantena

In questo momento particolare
ci siamo dovuti fermare
ci hanno raccomandato “In casa dovete stare!”.

Mesi lunghi e noiosi
ci hanno resi ingegnosi,
nuovi giochi ci siamo dovuti inventare
perché i nostri amici non potevamo incontrare.

Lunghe le giornate passate in casa con mamma e papà, perché a lavorare non si poteva andare.
Allora tutti al computer a studiare!
Compiti da inviare, quiz da fare.

Finalmente maggio è arrivato!
E il lockdown se ne è andato.
Parenti e amici possiamo incontrare
e riabbracciare.

Vittoria Altobel


Angela Barbirato


Torneremo a toccarci, abbracciarci, baciarci senza avere più paura di questo invisibile virus che ci ha spaventato, terrorizzato per tutto questo tempo. Torneremo con più calore di prima. Fino ad allora pensiamo che torneremo più forti di prima e penso che ora daremo più importanza a frasi semplici come: “Ciao, come stai? Ci sentiamo presto!”
Comunque un giorno potrò dire che faccio parte di quella generazione che ha vissuto i giorni del coronavirus e racconterò tutte le sensazioni e i pensieri che ho avuto e provato.

Kevin Brighenti


Progetto “In viaggio verso la terra”

Caro diario,
questo è un momento difficile per tutti. Si è diffusa all’improvviso questa pandemia, che all’inizio sembrava solo un’influenza e non ci si aspettava fosse così pericolosa. Dopo quasi tre mesi di quarantena, finalmente, si può uscire, ma alcune persone, che possono essere bambini, ragazzi o addirittura adulti, non hanno capito che bisogna rispettare delle regole. E’ vero che, dopo tutto questo tempo chiusi in casa, si ha la voglia di stare all’aria aperta, incontrare i propri amici, divertirsi insieme a loro, ma tutto ciò è possibile solo se si rispettano delle regole.
Queste regole sono:
– appena si tocca qualsiasi cosa bisogna lavarsi le mani per bene, oppure usare il gel igienizzante, perché, se dopo aver toccato anche una sola cosa, non ci si lavano le mani e queste vengono messe in bocca o nel naso, è molto probabile che questo virus, o qualsiasi altro batterio, entri nel nostro corpo e ci faccia ammalare.
– è fondamentale mettersi la mascherina quando si è in luoghi aperti o chiusi e quando si è a contatto con altre persone, e questa deve coprire bocca e naso, altrimenti è come se non l’avessimo.
– è essenziale mantenere una distanza adeguata tra le persone, di uno o due metri, per garantire la sicurezza di tutti.
– quando si starnutisce non bisogna mettersi la mano davanti alla bocca, ma il gomito.
Sono sicura che se tutti rispettiamo queste regole il virus non potrà diffondersi e quindi piano piano scomparirà, così potremo incontrarci senza questo pericolo, lasciandoci questo incubo alle spalle.

Benedetta Buffo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.